Istituto Tecnico Agrario Emilio Sereni Roma SEDE CENTRALE Via Prenestina n.1395 - 00132 Roma SUCCURSALE Via della Colonia Agricola n. 41 - 00138 Roma SEDE STACCATA DI SAN VITO ROMANO SEZIONE CARCERARIA ASSOCIATA "REBIBBIA"
Miele

Il miele è un alimento di origine naturale che le api producono dal nettare delle piante, è utilizzabile direttamente, però per poter essere commercializzato necessita di alcuni passaggi tecnologici. 

Di seguito sono illustrati i Processi di lavorazione indispensabili per la commercializzazione.

Prelievo dei melari in campo 

Il momento migliore per prelevare i melari è quando i telaini siano opercolati almeno per i 2/3, cosi si ha la certezza di produrre miele con umidità inferiore al 18%, limite massimo per garantirne la conservabilità senza rischiare la fermentazione degli zuccheri.

Disopercolatura

Una volta prelevati i melari e trasportati nel laboratorio, inizia la vera fase di lavorazione del miele. 

Il primo passaggio è appunto la disopercolatura, ossia l’asportazione del sottile strato di cera (opercolo) che le api pongono su ogni celletta per proteggere il miele.

Questa operazione viene fatta con appositi coltelli e/o forchette.

Estrazione per centrifuga con smielatore

Quando i telaini sono stati completamente disopercolati sono pronti per essere messi nello smielatore. 

Lo smielatore non è altro che una centrifuga posta all’interno di un recipiente cilindrico di acciaio, nel quale sono alloggiati i telaini.

Il miele per azione della forza centrifuga sbatte contro le pareti e colando lungo le pareti si accumula sul fondo dello smielatore.

Filtrazione

Il miele estratto è ancora grezzo, in quanto contiene molte impurità, rappresentate prevalentemente da particelle di cera, pertanto si procede alla  filtrazione che viene fatta in modo grossolano con filtri d’acciaio e in modo più fine con i filtri a sacco.

Decantazione o maturazione

Una volta filtrato il miele viene messo all’interno di recipienti per la decantazione che è la fase in cui il miele “matura”; la decantazione dura 15/20 giorni e per un processo fisico naturale le piccole particelle ancora presenti emergono  in superficie trasportate dalle bollicine d’aria che il miele aveva assorbito nelle manipolazioni precedenti.

Fase di schiumatura

A seguito di questo processo sulla superficie si forma una schiuma biancastra che viene rimossa con un’apposita paletta detta anche schiumarola. Terminata questa operazione il miele è pronto per essere invasettato.

Cristallizzazione

La cristallizzazione è un processo naturale che interessa quasi tutti i mieli, anche quelli che si presentano liquidi per anni sono destinati a cristallizzare e solidificare, questo processo avviene poiché il miele è sempre una soluzione sovrassatura, quindi, altamente instabile. 

Una volta invasettato, il miele va immagazzinato ad una temperatura di 14°C, cosicché in pochi giorni il processo di cristallizzazione completa fino ad ottenere una granulazione fine del prodotto.



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.